Mary’s Dream su Adnkronos

Eventi

Ringrazio di ♥ “Adnkronos” per avermi dedicato questo delizioso spazio web.
Ecco cosa dicono di me, sono emozionatissima 😀 ♥

Spatoline e mattarelli colorati: successo in Italia per il blog sul cake design

adnkronos

Roma – (Adnkronos) – La tradizione sta spopolando nel Belpaese con migliaia di seguaci per ‘merysdream’ di Marianna Carbone. “Questa passione per me è nata quando non era ancora conosciuta da noi. Mi piace molto quello che mi permette di sporcarmi le mani e di impastare”

Roma, 14 apr. - (Adnkronos) – Spatoline per tagliare e spalmare, piccole formine e mattarelli in silicone con superfici disegnate con pois, merletto o intreccio. Non sono gli attrezzi per lavorare il pongo ma gli utensili indispensabili per gli appassionati di cake design. Una tradizione tutta anglosassone che ultimamente sta spopolando anche in Italia, raccogliendo migliaia di seguaci.

”Io in genere vado contro corrente – spiega all’Adnkronos Marianna Carbone, informatica di 36 anni, che sull’argomento ha creato il blog www.merysdream.it – e questa passione per me è nata quando non era ancora conosciuta in Italia. Mi piace molto quello che mi permette di sporcarmi le mani e di impastare, quindi modellare la pasta di zucchero, ma anche il marzapane, e la pasta di marshmallow è il top. Mi piace creare dal nulla, è un passatempo che mi permette di scaricare la tensione”.

Marianna Carbone si definisce una ”food blogger” per passione e divertimento, con il sogno di diventare una pasticcera. Sul suo blog, seguitissimo, si puo’ imparare guardando, grazie a tutorial e a meticolose descrizioni fotografiche: cupcake a mo’ di mucca o Babbo natale, biscotti, muffin, addirittura una torta nuzionale, tutto naturalmente guarnito con fiocchi, cuori, fiori e immagini buffe, nello stile piu’ amato dai cake designer.

”Il blog – racconta la blogger – l’ho messo su da circa un anno: pubblico ricette, foto o tutorial. La mia e’ solo una passione, ma, perche’ no, un giorno potrebbe trasformarsi in una professione vera e propria. Mi piacerebbe molto cambiare stile di vita. Al momento lavoro come analista-progettista dei sistemi informatici in una societa’ di telecomunicazioni”.

”Ho iniziato un po’ per gioco un po’ per sfida – aggiunge – Sin da piccola ho sempre amato pasticciare con le mani. Crescendo ho coltivato la mia passione per la pasticceria. Prima facevo dolci piu’ legati alla tradizione italiana come torte o biscotti e da un paio di anni mi sono avvicinata al cake design”.

”Ho seguito corsi e ora ne tengo anche io alcuni. In genere quelli della durata di 4 o 5 ore sono monotematici e sono composti da una parte teorica in cui do delle nozioni di base e delle curiosita’ sulle tecniche e da una parte pratica. Nella seconda parte si realizza il dolce e si fa la decorazione. Le classi sono da 10 a massimo 13 persone: in questo modo tutti riescono a seguire e lavorare in maniera omogenea. Nella vita – conclude – andiamo sempre di corsa e non voglio riproporre questo aspetto anche nel cake design. La pasticceria serve anche a tirare fuori la cretivita”’.

Articolo pubblicato su: